La Lucerna

La lucerna, a preferenza che di metallo, dovrà essere in vetro o porcellana abbastanza trasparente e tanto grande da contenere più liquido che il necessario alla illuminazione di tutta una serata.

Il piede ne dovrà essere ampio e pesante,  affinchè non sia facile rovesciare la lucerna. Si smetta  l’uso di una lucerna quando il recipiente presentasse fenditure in qualche parte. Il castello metallico dovrà essere mantenuto sempre ben pulito, e specialmente il becco dal quale esce il lucignolo: sovente all’orificio vi si impietriscono delle parti carbonose, dalle quali si manterrà mondo raschiandola con un coltellino.

Il lucignolo dovrà occupare il tubetto metallico perintiero e senza sforzo. Ogni giorno si tagli esattamente con una buona forbice, e se ne smozzino alquanto i due angoli estremi ; taluni adoperano a ciò una forbice leggermente curva, onde, tagliandosi l’estremità libera del lucignolo, essa rimanga alquanto convessa. È necessario non restino punte, giacché fanno la fiamma fuligginosa.

Il tubo di vetro dovrà avere dimensioni proporzionate alla fiamma, però si scelgano a preferenza quelli stretti, perché rendono più completa la combustione. Se si fende , conviene cangiarlo tosto, ed a tal fine gì comincia con ispegnere la lampada.

La Lucernaultima modifica: 2011-01-02T16:20:00+01:00da v879
Reposta per primo quest’articolo